Piscina dopo un temporale, come gestirla?

Gli strumenti che non possono mancare per gestire la piscina dopo un temporale

Vi siete mai chiesti come comportarsi dopo il passaggio di un temporale? Abbiamo creato un video per rispondere a questa domanda dandovi tutte le info utili per mantenere la piscina pulita e in salute. Ma entriamo nel dettaglio e stiliamo una lista dei punti importanti per riuscire a pulire la piscina dopo un temporale in mondo corretto.

Purtroppo non esiste un metodo vero e proprio per proteggere la piscina. In mercato ci sono vari prodotti, come teli o reti per proteggere la piscina dalle foglie. L’efficacia effettiva non è garantita e l’unica soluzione è olio di gomito, come si dice in gergo, o un manutentore dedicato per questo compito.

Accessori da avere a portata di mano prima di iniziare la pulizia della piscina dopo un temporale:

  • Spazzola e raccogli sporco
  • Retino da fondo
  • Retino da superficie
  • Aspira fango triangolare o a spazzola
  • Tubo flessibile per collegare l’aspirafango all’impianto di filtrazione della piscina
  • Asta telescopica per raggiungere tutti i punti della piscina
  • Bonus: se non hai un aspirafango il robot piscina è un’ottima alternativa
  • Cloro in grani per la clorazione d’urto
  • Cloro in pastiglie per la clorazione di mantenimento
  • Test kit per l’analisi del livello di cloro in piscina

Due retini, ma come capire qual è da fondo o superficie?

I retini per piscina, in generale, sono suddivisi in due famiglie: retino da superficie e retino da fondo. Il retino da fondo, per l’appunto, serve a raccogliere lo sporco dal fondo della piscina. La parte a contatto con il pavimento è dotata di una vera e propria paletta per raccogliere lo sporco. Il retino ha una forma ovale e ha una notevole sacca per raccogliere molto sporco.

Il retino da superficie invece, come dice il nome, serve a raccogliere tutto lo sporco superficiale che si deposita sulla superficie. A differenza del retino da fondo, ha una sacca poco profonda o quasi assente perché ha lo scopo di raccogliere lo sporco dal basso verso l’alto. Ciò non necessita dunque di immagazzinare lo sporco, portandoci dunque a svuotarlo ad ogni passaggio in piscina.

La manutenzione del sistema filtrante è indispensabile

Per evitare disguidi nella fase di pulizia, dobbiamo ricordarci di ripulire regolarmente il filtro della piscina effettuando dei contro lavaggi. Questa procedura ripulisce la sabbia all’interno del contenitore aumentando l’efficacia del sistema filtrante. La sabbia invece va sostituita solo quando il sistema non riesce più a pulire la piscina in modo efficiente anche dopo un contro lavaggio.

blocco filtro piscina

Per quanto riguarda invece il filtro a cartuccia, basterà pulirlo regolarmente con un getto d’acqua non troppo forte e un prodotto sgrassante. Se il nostro sistema di filtraggio è mantenuto bene, non avremo mai grossi problemi a pulire la piscina. Per approfondire queste tematiche, ti invito a leggere questo post sul mondo dei sistemi di filtraggio per piscina.

I passaggi più importanti per ripulire la piscina dopo un temporale:

  • Puliamo tutt’attorno alla piscina così da evitare che della sporcizia possa entrare dopo la pulizia dell’acqua, raccogliendo foglie o altri detriti che si sono appoggiati sulla parte esterna della piscina. Potremo continuare con i passaggi successivi solo quando tutto attorno sia ben pulito e non abbia nessun residuo;
  • Raccogliamo lo sporco dalla superficie utilizzando un retino da superficie, aiutandoci con un’asta telescopica così da raggiungere tutti i punti più lontani;
  • Raccogliamo tutto lo sporco depositato sul fondo della piscina, possiamo utilizzare un aspira fango o in alternativa un robot per piscina;
  • Dopo aver raccolto tutto lo sporco possiamo dedicarci al reset dell’acqua effettuando una iper clorazione della piscina usando il cloro. Ti invito a leggere questo articolo per sapere come e quali sono i valori corretti da tenere in piscina;
  • Aspettiamo 24h dopo aver fatto l’iper clorazione e possiamo verificare i livelli di cloro e pH. Se i livelli dell’acqua sono corretti sarà pronta per la balneazione.
  • Ricordiamo di inserire anche la pastiglia di cloro o multiazione per la clorazione di mantenimento della piscina.

L’acqua è diventata bianca!Valore del pH in piscina

In questo caso è probabile che la causa di questo cambiamento di colore in piscina sia dovuto ad una variazione del livello di pH in piscina, ti invito a misurarlo con un testi kit e verificare che rispetti i parametri consigliati. Se i livelli di cloro e pH sono corretti, ma l’acqua rimane opaca, sarà necessario utilizzare il trattamento flocculante. Ti invito a leggere questo approfondimento acqua bianca o torbida in piscina.