Aspirafango per Piscina, a cosa serve?

Chi possiede una piscina, avrà sicuramente sentito parlare dell’aspirafango per piscina. Il suo funzionamento è semplice e basilare, ma garantisce comunque una pulizia ottimale e insostituibile.

Banalmente, l’aspirafango per piscina serve ad aspirare lo sporco e i detriti presenti sul fondo della vasca. Proprio come un’aspirapolvere, ha la funzione di ripulire la superficie risucchiando la sporcizia presente. Ma in cosa consiste il suo sistema di pulizia e soprattutto, com’è fatto?

Siamo qui per sciogliervi ogni dubbio. Buona lettura!

Aspirafango Piscina come funziona

Il meccanismo di funzionamento è tanto basico quanto efficace. Imita come detto prima lo stesso principio dell’aspirapolvere, con l’unica differenza che anziché aspirare la polvere, aspira per l’appunto il fango e i detriti depositati sul fondo.

Si tratta di uno strumento indispensabile per la pulizia della vasca. Questa infatti non può avvenire solamente tramite l’utilizzo di prodotti chimici. Insieme ad un robot pulitore per piscina, occorre servirsi anche di strumenti manuali.

Vediamo dunque nel dettaglio l’aspirafango come funziona a contatto con le pareti di una vasca, partendo dal collegamento allo skimmer.

Come collegare aspirafango allo Skimmer?

foto aspirafango piscina

L’aspirafango per funzionare ha bisogno di essere collegato ad un tubo galleggiante. In pratica, occorre attaccare un’estremità del tubo aspirafango per piscina alla spazzola, tramite un foro posto su di essa.

Dopodiché, attacchiamo la seconda estremità del tubo allo skimmer, oppure all’apposita bocchetta della piscina. In questo modo, si sfrutta il meccanismo d’aspirazione messo in atto dall’uno o dall’altra. È così infatti che è in grado di “risucchiare” lo sporco e trasmetterlo direttamente al filtro.

Ma adesso andiamo al sodo…

Tubo e Aspirafango: l’accoppiata vincente

Una volta spiegato il principio di funzionamento, capiamo come rendere l’aspirafango operativo. È a questo punto che entra in gioco il manico telescopico. Si tratta di uno strumento indispensabile per utilizzare l’aspirafango bene e senza fatica.

Permette infatti di allungare l’aspirafango, così da raggiungere ogni angolo della piscina. Il manico andrà fissato sulla struttura della spazzola, attraverso un aggancio dedicato. Questo passaggio potrà essere effettuato prima o dopo aver inserito il cavo galleggiante.

Precisiamo che è possibile collegare il tubo galleggiante, alla bocchetta di immissione o allo skimmer, ricordandosi però di rimuovere il cestello.

Altro accorgimento fondamentale è assicurarsi che il tubo galleggiante sia pieno d’acqua e non d’aria. Questa infatti non permetterà all’aspirafango di funzionare come dovrebbe.

Come pulire la Piscina con Aspirafango

Ma adesso entriamo nel clou. L’aspirafango piscina come si usa nell’atto pratico? Per poterlo impiegare nella maniera più efficace possibile, ricordiamoci che si tratta di una sorta di “aspirapolvere” per piscina.

Ciò significa che un suo corretto utilizzo consiste nel passare su di ogni angolo della vasca con precisione. Ribadiamo che NON deve esserci aria al suo interno, ma solamente acqua.

Vi accorgerete che, seppur con qualche sforzo manuale, il risultato sarà perfetto. Tramite la forza dell’acqua, aspirare i detriti sarà infatti semplice e veloce. Contemporaneamente poi ai prodotti chimici corretti e al robot pulitore, avrete il massimo dei prodotti per la pulizia!

Leggi QUI per comprendere quanto sia importante avere un aspirafango per piscina in casa.

Spazzola aspirafango per piscina

Essenziale sarà scegliere la spazzola giusta a seconda della piscina. Non esiste infatti un’unica spazzola a disposizione.

A seconda della forma della vasca e degli angoli da pulire, ritroviamo modelli differenti. Esistono quelli con spazzole triangolari, laterali, oppure professionali dotati di piccole ruote disposte ai lati.

Tutto dipende dal tipo di vasca che avete in casa e dagli angoli che intendete pulire. È in base a questo che occorre scegliere il tipo di spazzola più adatto. QUI, potrete trovare vari modelli a disposizione.

Ci auguriamo dunque di avervi spiegato come pulire la piscina con aspirafango, in maniera semplice e chiara. Adesso non vi resta che scegliere il modello più adatto a voi e… pulire!