Cosa portare ad un picnic? I nostri consigli!

Come organizzare un picnic? Ecco cosa portare:

Una delle domande più frequenti quando arriva la primavera è: cosa portare ad un picnic? Complici l’avanzare delle giornate dal clima mite, la prima idea che viene in mente è quella di godere dell’aria aperta pranzando seduti sull’erba. Meglio ancora se si va in compagnia di un buon libro o uno strumento musicale, insieme a famiglia, amici o animali domestici.

Per prima cosa, la parola d’ordine deve essere “comodità”. No a scarpe con i tacchi, jeans stretti o giubbotti ingombranti. Devi avere tutto il necessario per godere della natura nel massimo comfort! Sono ben accetti palloni, racchettoni, strumenti musicali e\o dispositivi portatili per ascoltare della buona musica. Questo è in un certo senso lo “starter pack”. Ma entriamo più nello specifico…

Picinic cosa mangiare?

Un altro importante aspetto da considerare è cosa portare per un picnic, ed in particolare si intende il pranzo a sacco o lo spuntino da godere sotto l’ombra di un alberoo vicino a distese floreali. Qui, naturalmente, entra in gioco un concetto importante ovvero “de gustibus”. Tutto dipende da cosa siamo abituati a mangiare ma anche e soprattutto dalla location in cui vogliamo realizzare il nostro picnic.

Cosa cucinare per picnic?

In linea di massima, si tende sempre a prediligere cibi leggeri e facili da trasportare. Evitare sughi o pietanze che richiedono particolari utensili per essere servite o mangiate. Via libera a panini, cibi asciutti o facili da preparare come couscous di verdure, pasta fredda o riso all’insalata. Naturalmente, non possono mancare gli spiedini alla frutta o dolci monoporzione che evitano il problema del taglio. A questo punto però è fondamentale capire come trasportarli. In questo caso, sono molto utili le borse frigo e in particolar modo quelle da portare in spalla, sotto forma di zainetto. Per le bevande invece via libera a termos o borracce termiche disponibili in varie versioni e colori.

Cosa portare in un picnic per un pisolino all’aria aperta?

Altra questione molto importante: scegliere il telo giusto per il picnic. Sebbene possa sembrare abbastanza scontato, in realtà bisogna individuare l’attrezzatura corretta anche semplicemente per riposare sotto l’ombra di un albero. L’ideale in questi casi è dotarsi di un telo impermeabile per evitare che si bagni a contatto con l’erba. Meglio se non bianco perché potrebbe macchiarsi, specialmente se c’è terriccio nelle vicinanze.

Cosa portare al picnic: dove sedersi per mangiare?

Anche in questo caso, ad essere determinante è la location. Ci sono diversi parchi totalmente immersi nella natura dove l’unico modo per sedersi e mangiare è stando a stretto contatto col manto erboso, magari su di un telo impermeabile con cuscino e panierino portapranzo. Diversamente, alle volte è possibile godere di vere e proprie aree attrezzate, con tanto di panche, tavoli e perfino griglie per il barbecue. In questo caso, la scelta dipende solo dalle nostre preferenze.

E se volessimo invece rendere il nostro giardino di casa una perfetta area picnic? Beh in questo caso entra in gioco il vasto e svariato mondo dell’arredo giardino. Tramite gazebi, panche, tavoli da picnic o casette prefabbricate, puoi trasformare il tuo giardino in un vero e proprio parco perfetto per le scampagnate! Il nostro store ti offre una vasta gamma di prodotti di questo tipo, ti basta solo dare un’occhiata per scegliere e capire ciò che fa per te. Clicca QUI!

Picnic cosa portare: scegli la compagnia giusta!

Per ultimo, ma non per importanza, la questione socialità. I picnic, o più in generale le scampagnate all’aria aperta, sono una vera e propria cura per la mente e per il corpo. Ti permettono di divertirti e rilassarti facendoti entrare in completa sintonia con la natura. Molti, proprio per questa ragione, preferiscono vivere in solitudine giornate del genere per vivere un rapporto intimo e viscerale con “madre natura”.

Se il tuo obiettivo invece è quello di divertirti in compagnia, qui entra in gioco la scelta delle persone giuste da invitare. In questo caso, sono ben accetti gli avventurosi, gli sportivi e gente abituata a fare camminate o attività motoria all’aperto. I picnic e le scampagnate, per quanto piacevoli, possono essere faticose perché richiedono spirito di adattamento e voglia di muoversi, ed è per questo che è importante organizzare con la giusta compagnia di amici.

Toccasana per i bambini. Le giornate all’aria aperta sono fondamentali per i più piccoli: la salubrità dell’aria e il contatto con la natura rappresentano per loro una vera e propria medicina. Tuttavia, quando si ha a che fare con bimbi molto piccoli (al di sotto dell’anno di età, per intenderci), bisogna fare massima attenzione. Nei sentieri sterrati, potrebbe essere difficoltoso utilizzare passeggini o accessori del genere. Da prediligere marsupi per neonati, fasce, ovetti trasportabili a mano e crema solare a volontà. Il caldo sole di campagna, per quanto benefico, va comunque gestito con opportune creme protettive quando si ha a che fare con bimbi molto piccoli.

Fatte tutte queste premesse, le parole d’ordine sono: voglia di avventura, zaino in spalla e aria aperta. Che la primavera abbia inizio!