Come scegliere filtro piscina: le nostre linee guida

Pompa filtro piscina a cosa serve? Quale scegliere?

Quando si acquista una piscina, una delle prime cose da considerare è il filtro, necessario per mantenere l’acqua sempre pulita. Ma come scegliere il filtro piscina più adatto alle nostre esigenze? Quali modelli esistono in commercio?

Innanzitutto, cominciamo con il dire che il sistema di filtraggio tramite pompa è un sistema pensato per pulire l’acqua della piscina in maniera del tutto naturale ed efficace. Questo perché si basa sull’idea di depurare l’acqua tramite i principi di circolazione e filtrazione, evitando dunque acqua stagnante e maleodorante.

Tale sistema dunque, oltre ai prodotti chimici che sono indispensabili per la disinfezione, è in grado di mantenere l’acqua pulita e sicura basandosi appunto sull’idea di “risciacquo”, imitando in un certo senso il ricircolo naturale e spontaneo dell’acqua marina. Come funziona filtro piscina e su quale principio si basa è fondamentale dunque per comprendere quali modelli esistono e soprattutto quale scegliere. Diamo un’occhiata!

Pompa filtro a sabbia come funziona

Senza dubbio uno dei modelli più diffusi anche per le piscine private: vediamo il filtro a sabbia come funziona. Il principio di base su cui si fonda è abbastanza semplice. L’acqua della piscina viene depurata da un sistema che consiste in un suo “rimpasto”, tramite l’impiego della sabbia. Ma nell’atto pratico, il filtro a sabbia piscina come funziona?

In buona sostanza, il filtro è costituito da una struttura cilindrica dove alla base è disposta, per l’appunto, della sabbia. Di norma, specialmente nelle piscine private, si tende ad usarne una tipologia “omogenea”, avente cioè una granulometria costante che va da 0,4 a 0,8 mm. Il processo di pulizia comincia dalla pompa che preleva l’acqua della piscina, la immette nella parte superiore del filtro e la fa passare attraverso lo strato filtrante costituito dalla sabbia. Questa operazione permette all’acqua di eliminare le particelle in sospensione e di ripulirsi. Una volta finito, l’acqua depurata viene reimmessa nella piscina. Naturalmente, il tutto viene “monitorato” da un manometro che indica e quantifica la pressione impiegata. Se questa aumenta, significa che lo strato filtrante si sta sporcando e che sta per partire il controlavaggio, ovvero la sua pulizia.

La scelta della pompa dipende dal tipo di piscina e dal suo volume d’acqua: più sarà grande più avrà bisogno di una potenza di filtraggio maggiore. In ogni caso, per consentire un ricircolo ottimale, bisogna far riferimento ad un ciclo di pulizia di 4/6 ore.

Come pulire filtro a sabbia piscina?

Una volta spiegato, sommariamente, come funziona è importante sapere come pulire il filtro e quali passaggi seguire:

  • Selezionare l’opzione controlavaggio della valvola a sei vie e avviare la pompa;
  • Spegnere nuovamente la pompa di circolazione e selezionare l’opzione risciacquo;
  • Riavviare la pompa di circolazione per effettuare il risciacquo e aspettare qualche minuto prima di interrompere il ciclo;
  • Impostare la funzione filtrazione della valvola a 6 vie, riattivando la pompa di circolazione;
  • Riattivare l’impianto e chiudere la valvola di scarico.

Ecco dunque brevemente come pulire la sabbia del filtro piscina in maniera efficace e veloce, ma ricordiamo comunque che, ogni 3-5 anni, è buona norma cambiarla direttamente.

Uno dei motivi per cui il filtro a sabbia viene particolarmente consigliato è la garanzia di un’acqua perfettamente depurata. Inoltre, come montare filtro a sabbia e metterlo in funzione è facilmente intuibile grazie ai dettagliati manuali d’istruzione che troverete nella confezione della pompa stessa, oppure in quella delle piscine fuori terra (di cui spesso sono già dotate).

Come costruire un filtro a sabbia? Il fai da te è consigliato?

Spesso ci viene posta questa domanda ed effettivamente, ad oggi, esistono diverse soluzioni per costruire un filtro a sabbia fatto in casa. Serviranno strumenti ed accessori quali carbone attivo, ghiaia o sassolini, una pompa a immersione e naturalmente la sabbia.

Malgrado ultimamente sia una pratica sempre più diffusa, noi sconsigliamo il fai da te. Il sistema di filtraggio a sabbia, basandosi sull’attività di una pompa che a seconda delle esigenze deve essere anche molto potente, richiede una “strumentazione” adatta e realizzata ad hoc. Gli accessori riciclati o semplicemente adattati, non sono mai garanzia di sicurezza e funzionalità assoluta: meglio rivolgersi a marchi noti o a professionisti del settore. Qui, puoi trovare ciò che fa per te.

Pompa filtro a cartuccia come funziona?

Un altro sistema di depurazione dell’acqua, particolarmente diffuso, è quello dei filtri a cartuccia. Vediamo come funziona.

Il funzionamento dei modelli a cartuccia è piuttosto semplice. Il principio fondamentale su cui si fonda è la struttura della cartuccia, di forma cilindrica e costituita da lamelle dalla capacità di anche 15 micron. In buona sostanza, il sistema consente di trattenere lo sporco all’interno delle lamelle e rilasciare in vasca l’acqua filtrata e dunque “ripulita”.

Come pulire filtro piscina a cartuccia? Bastano poche e semplici mosse!

Il vantaggio di questo sistema di filtraggio è la facilità con cui è possibile pulire le lamelle. Basta infatti un potente getto d’acqua per “scrostare” le impurità rimaste intrappolate. Nel caso in cui lo sporco ristagnato abbia macchiato o rovinato il filtro, basterà sostituire le lamelle e il gioco è fatto.

Qui puoi trovare diverse tipologie di filtri di sostituzione!

Questo sistema di filtraggio, proprio per la facilità di gestione e manutenzione, è spesso indicato e impiegato per le piscine di dimensioni medio\piccole e per uso privato.

Come pulire il filtro della piscina dipende dunque dalla tipologia di filtraggio che possediamo. In ogni caso comunque, se vogliamo un’acqua sempre pulita e cristallina, dobbiamo: effettuare lavaggi periodici del filtro, effettuare una manutenzione costante e impiegare i prodotti chimici corretti (che puoi trovare qui, a prezzi vantaggiosi), dosandoli nella giusta maniera. In questo caso, il nostro calcolatore può esserti particolarmente utile!

Quale sistema di filtraggio scegliere?

Per rispondere a questa domanda bisogna considerare tanti fattori. Indubbiamente, tutto dipende dal volume d’acqua della piscina, dalla vostra disponibilità economica e da quanta “fatica” siete disposti ad impiegare per la manutenzione e pulizia dei filtri. Il sistema a cartuccia e a sabbia, seppur aventi costi e caratteristiche differenti, se mantenuti correttamente, sono entrambi degli ottimi alleati per mantenere l’acqua della piscina pulita.

Tuttavia, occorre precisare che il filtro a sabbia, dal canto suo, ha l’enorme vantaggio di garantire una depurazione dell’acqua ottimale. A differenza di quello a cartuccia, infatti, si basa sul concetto di risciacquo continuo impiegando l’azione “meccanica” dello sfregamento con la sabbia. Inoltre, tramite il controlavaggio, riusciamo a mantenere il filtro sempre pulito e funzionante e ad ottenere dunque un’acqua perfettamente cristallina.