Tanta confusione e poche risposte.

Le piscine fuori terra, sono il miglior modo per passare un’estate senza compromessi. Purtroppo le linee generale di ogni regione/provincia possono variare obblighi e doveri nei confronti di questo argomento. Non è mai molto chiara, ma d’altronde come siamo abituati in Italia è sempre così. Più sono complicate e difficili, più sono apprezzate.

Le piscine fuori terra completamente smontabili* non hanno bisogno di permessi particolari per la loro installazione. Per essere sicuri di non incorrere in blocchi amministrativi o sanzioni è consigliabile un passaggio in comune. Chiedere non costa nulla.

*smontabili si intente non fisse a terra in alcun modo

L’unico valore certo che ci viene fornito dalla legge è che un titolo edilizio sia indispensabile quando la piscina modifica il terreno.  Non è possibile costruire una piscina (si intende fissando la piscina a terra: scavo, cemento, ecc) senza un’approvazione. Si dovrà quindi procedere con cautela poiché la responsabilità penale del mancato permesso ricadrà su committente (futuro proprietario) e costruttore. Ma questo non è il nostro caso, la nostra è una piscina fuori terra appoggiata a terra non fissata a terra.

Quindi se non è fissata a terra, la piscina fuori terra può essere installate nel giardino di casa?

Risposta effettivamente difficile ma nel complesso si, tra i regolamenti comunali per gli interventi edilizi, si osserva che: “né la “precarietà” della struttura della fuori terra né il fatto che non modifichi in via permanente il terreno e neppure l’eventuale stagionalità determinano un’automatica e sicura esclusione dall’obbligo di un qualche titolo abilitativo alla realizzazione”.

Riassumendo: l’installazione della piscina fuori terra è praticabile solo ed esclusivamente quando non ci siano modifiche nel terreno.

Chiedere in comune è sempre la migliore soluzione..

In alcuni casi vengono esplicitamente citate le caratteristiche che la piscina fuori terra deve possedere per essere effettivamente esentata da complicate prassi e assimilata. Per esempio: le dimensioni massime consentite, la tipologia, rimovibile per smontaggio e non per demolizione. A questo, talvolta si aggiungono anche indicazioni relative al periodo di collocazione e all’obbligo dello smantellamento a fine stagione. Ovviamente queste informazioni sono reperibili in comune.

“il permesso di costruire è necessario per tutti gli interventi di nuova costruzione che comportano una trasformazione edilizia e urbanistica del territorio” Fonte: Testo Unico dell’Edilizia.

Come scritto sopra, sono comprese tutte le strutture possibili anche le piscine fuori terra ma solo nel caso siano previste trasformazione permanenti del terreno sarà necessario munirci di un permesso.

 

 

Condividilo su